Aumentare le prestazioni di Firefox in 7 semplici passi

ad middle
SPONSORED LINKS

fast firefox
Non siete soddisfatti delle prestazioni di Firefox nella navigazione in Internet? Vi piacerebbe provare a spingere al massimo il suo motore di browsing, oltre quello che sarebbe il suo normale funzionamento? Allora non perdete altro tempo e leggetevi con attenzione questo articolo!

Una delle caratteristiche peculiari di Firefox è senza dubbio rappresentata dalla possibilità di agire in maniera assolutamente priva di vincoli su tutti i parametri di configurazione che determinano il funzionamento del browser. Tali parametri sono normalmente impostati a dei valori di default che però in molte situazioni possono risultare penalizzanti, soprattutto se avete una connessione ad Internet particolarmente veloce o un computer particolarmente potente.

Ecco quindi una lista di 7 semplici trucchi che potrebbero aiutarvi ad ottenere le massime prestazioni da Firefox.

1. Abilitare il pipelining
Il pipelining è una tecnica aggressiva che parallelizza le richieste HTTP senza preoccuparsi di attendere per ognuna di esse un esito dal server. In molti casi questo sistema consente di ottenere dei tempi di caricamento delle pagine web molto più bassi:

  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Individuate il parametro “network.http.pipelining” ed impostatelo a “true” ;
  • Individuate il parametro “network.http.proxy.pipelining” ed impostatelo a “true“;
  • Individuate il parametro “network.http.pipelining.maxrequests” ed impostatelo a “8“.

2. Ridurre i tempi di rendering delle pagine
Firefox è impostato per ridisegnare ogni 0,12 secondi il layout della pagina che sta scaricando. Questa tecnica consente all’utente di iniziare a vedere i contenuti della pagina prima del suo caricamento finale, ma di contro i continui refresh necessari causano un generale rallentamento dei tempi di rendering totali.
La disabilitazione di questa caratteristica dovrebbe consentire una riduzione dei tempi totali di rendering della pagina:

  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Con il tasto destro nella pagina di configurazione selezionate “New > Integer“;
  • Chiamate il nuovo parametro “content.notify.interval“, date OK ed impostate il valore “500000” quindi date nuovamente OK;
  • Con il tasto destro nella pagina di configurazione selezionate “New > Boolean“;
  • Chiamate il nuovo parametro “content.notify.ontimer“, date OK ed impostate il valore “true” quindi date nuovamente OK.

3. Ridurre i tempi di risposta dell’interfaccia
Se per 0,75 secondi non muovete il mouse e non usate la tastiera, l’interfaccia di Firefox passa in modalità “dormiente” per lasciare un maggior numero di risorse a disposizione del caricamento delle pagine.
Potete provare a ridurre ulteriormente questo intervallo:

  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Con il tasto destro nella pagina di configurazione selezionate “New > Integer“;
  • Chiamate il nuovo parametro “content.switch.threshold“, date OK ed impostate il valore “250000” (un quarto di secondo) quindi date nuovamente OK.

4. Dare la massima priorità al caricamento delle pagine
E’ possibile fare in modo che Firefox ignori ogni input dall’utente riservando tutte le risorse al totale caricamento della pagina:

  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Con il tasto destro nella pagina di configurazione selezionate “New > Boolean“;
  • Chiamate il nuovo parametro “content.interrupt.parsing“, date OK ed impostate il valore “false” quindi date nuovamente OK.

5. Aumentare le dimensioni della cache
Se avete più di 2GB di ram potete aumentare la dimensione della cache di Firefox:

  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Con il tasto destro nella pagina di configurazione selezionate “New > Integer“;
  • Chiamate il nuovo parametro “browser.cache.memory.capacity“, date OK ed impostate il valore “65536” quindi date nuovamente OK e riavviate il browser per rendere effettive le modifiche.


6. Attivare TraceMonkey

Tracemonkey è una nuova feature di Firefox che consente di ottimizzare il codice Javascript raggiungendo performances di esecuzione fino a 20 volte superiori ai tempi consueti di esecuzione.
Essendo una funzionalità sperimentale non è ancora disponibile per il download ufficiale, per cui è necessario scaricare una nightly build di Firefox:

  • Installate l’ultima nightly build (ftp://ftp.mozilla.org/pub/firefox/nightly/latest-trunk/) e lanciate Firefox;
  • Digitate “about:config” nella barra degli indirizzi e date invio;
  • Digitare “JIT” nel box di ricerca quindi impostate a “true” i parametri “javascript.options.jit.chrome” e “javascript.options.jit.content“.


7. Utilizzare un proxy per la compressione dei dati

Se avete una connessione particolarmente lenta o se il vostro provider limita il traffico mensile a vostra disposizione, installate un software di compressione del traffico come Toonel

ad middle
SPONSORED LINKS
Ti è piaciuto l'articolo?
Iscriviti alla newsletter per ricevere in tempo reale tutte le notizie e gli aggiornamenti!

Articoli correlati a "Aumentare le prestazioni di Firefox in 7 semplici passi"


Lascia un commento